Ti trovi qui: Home » Avvisi

I disastri naturali avvenuti in Australia e Toscana e la loro gestione, se ne parla ad Economia il 21 novembre

Nei disastri naturali verificatisi in Australia ed in Toscana su che base gli amministratori locali hanno ripristinato le attività delle comunità? Uno studio, che esamina la razionalità calcolante, illustrerà i meccanismi adottati in questi contesti. Il nuovo incontro dei seminari di Economia di Unimore sarà dedicato al tema “An examination of the role of accounting ‘to re-build’ local communities following a natural disaster” ovvero Un’analisi del ruolo della contabilità ‘per ricostruire’ le comunità locali in seguito a un disastro naturale".

L’appuntamento, che si terrà martedì 21 novembre 2017 alle ore 14.15 presso l’Aula Seminari del Dipartimento di Economia Marco Biagi (via Berengario 51 – ala ovest) a Modena, vedrà in aula il prof. Nick Sciulli dell’Università Victoria di Melbourne.

Lo scopo di questo lavoro  - afferma il il prof. Nick Sciulli dell’ Victoria University, Melbourne - è quello di esaminare il ruolo della contabilità nella ricostruzione delle comunità in seguito agli eventi alluvionali che si sono verificati a Victoria (Australia) e in Toscana (Italia). Il progetto utilizza interviste semi-strutturate e approfondite per raccogliere dati da dirigenti di alto livello che lavorano nelle amministrazioni locali che sono state colpite dagli eventi alluvionali. Coerentemente con la teoria della razionalità calcolante, troviamo prove su come i responsabili decisionali delle amministrazioni locali di Victoria basano le loro preferenze su ciò che può essere definito, contato e misurato. Allo stesso modo, entrambi gli operatori toscani e vittoriani sono stati sotto pressione dall'inizio delle inondazioni per fornire informazioni adeguate in merito ai danni subiti dalle famiglie e dalle imprese locali. Inoltre, le amministrazioni locali toscane sembrano utilizzare le informazioni finanziarie come strumento di responsabilità verso le comunità locali”.

Categorie: avvisi

Articolo pubblicato da: Ufficio Stampa Unimore - ufficiostampa@unimore.it